15 novembre, 2018
Home / NEWS / Healthy Seas celebra il suo primo successo: recuperate 20 tonnellate di reti da pesca
Healthy Seas_North Sea

Healthy Seas celebra il suo primo successo: recuperate 20 tonnellate di reti da pesca

Avevamo già presentato il progetto Healthy Seas, l’iniziativa internazionale per il recupero delle reti da pesca abbandonate nei nostri mari. (Rileggi l’articolo sull’iniziativa https://www.blogecologia.it/2013/03/il-progetto-internazionale-the-healthy-seas/).

Le prime missioni, compiute in questi mesi, hanno raccolto dai fondali del Mare del Nord oltre 20 tonnellate di reti da pesca. Domani, 24 settembre le reti raccolte verranno trasportate in Slovenia dove potranno essere rigenerate in nuovo filo ECONYL®. Questo primo importante risultato traghetta Healthy Seas verso nuove missioni di raccolta nei mari Adriatico e Mediterraneo.

La fase iniziale del progetto Healthy Seas si è concentrata sui fondali costieri di Olanda e Belgio, dove squadre di sommozzatori hanno iniziato sin dall’estate a recuperare e a stoccare reti da pesca nel magazzino di Scheveningen, a pochi chilometri da Rotterdam. Le missioni hanno visto impegnati sommozzatori, fotografi e archeologi marini, considerata la forte presenza di relitti navali in quelle acque. Il trasporto verso la Slovenia è organizzato e gestito dalla società norvegese Nofir, nuovo associate partner di Healthy Seas.

Ricordiamo che l’obiettivo principale dell’iniziativa internazionale per la salute dei mari è di rimuovere rifiuti, in particolare reti da pesca, dai fondali costieri per rigenerarli in prodotti tessili.

www.healthyseas.org

www.facebook.com/healthyseas

www.twitter.com/healthyseas_org

Redazione Paolo

Paolo
Redattore editoriale e traduttore tecnico specializzato, appassionato di tutela dell'ambiente e risparmio energetico.

Ti potrebbe interessare

Notte dei ricercatori: un successo l'edizione 2017

Notte dei ricercatori: un successo l’edizione 2017

Grande successo per l’edizione 2017 della Notte dei Ricercatori. Un appuntamento che riscuote sempre più il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.