17 agosto, 2018
Home / NEWS / Capi d’abbigliamento ecologici: gli agrovestiti
Agrovestiti

Capi d’abbigliamento ecologici: gli agrovestiti

Non solo le grandi aziende come Giorgio Armani, Vivienne Westwood,  Stella McCartney, e le popolari Levi’s ed H&M, hanno un’occhio di riguardo per i capi “naturali” ma anche le piccole realtà aziendali del  Made in Italy.

Nana’e’el by Nanaaleo di Ivana Pantaleo in collaborazione con Maria Serena Minunni, in particolare, da qualche anno crea, realizza e produce gli agrivestiti, ossia abiti con tessuti biologici, tinti con materiali ecologici o con coloranti vegetali.

La Masseria Tarsia Morisco, a Conversano in provincia di Bari, produce ortaggi e piante da cui poi si estraggono i pigmenti, dai più semplici come la camomilla, l’edera, la cipolla rossa, il cavolo rosso fino alle piante per trattamenti tintorei come la reseda, il guado, la robbia, da cui da cui Ivana Pantaleo ottiene i coloranti. “Il lavoro – ci spiega la giovane stilista – è quello di ricreare una filiera dalla produzione della materia prima, che sono anche i tessuti, come la canapa, il lino, il cotone e la seta biologici e la tintura naturale, fino alla realizzazione del capo finale che è anche un capo d’alta moda. Il progetto è pure quello di portare il biologico e l’ecologico sulle passerelle dell’Alta moda. Ormai è fondamentale occuparsi del nostro pianeta e della nostra salute, capire da dove arrivano i prodotti, come vengono realizzati e cosa danno al consumatore. I tessuti che indossiamo in genere derivano dal petrolio e i coloranti usati per i vestiti che sono a contatto con la nostra pelle contengono nichel, altre metalli pesanti e sostanze tossiche. Questo è il secolo delle allergie e delle intolleranze, ci siamo chiesti il perché? Perché tutto ciò con cui siamo in contatto, dall’aria che respiriamo a quello che mangiamo, ai cosmetici che quotidianamente usiamo, contiene sostanze tossiche per il nostro organismo. In questo elenco non è da escludere l’abbigliamento, e finalmente anche ricerche scientifiche cominciano a diffondersi riguardo a questo tema, considerando l’abbigliamento come un’ulteriore possibile causa di intossicazione. Gli abiti naturali non soltanto non fanno male ma addirittura hanno un effetto benefico. Con tessuti e coloranti naturali possiamo sfruttare le proprietà energetiche, vibrazionali e terapeutiche anche dei colori. “

Redazione Paolo

Paolo
Redattore editoriale e traduttore tecnico specializzato, appassionato di tutela dell'ambiente e risparmio energetico.

Ti potrebbe interessare

Notte dei ricercatori: un successo l'edizione 2017

Notte dei ricercatori: un successo l’edizione 2017

Grande successo per l’edizione 2017 della Notte dei Ricercatori. Un appuntamento che riscuote sempre più il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.