17 novembre, 2018
Home / NEWS / Fotovoltaico nel 2014: l’Italia potrebbe superare la Spagna

Fotovoltaico nel 2014: l’Italia potrebbe superare la Spagna

incentivi fotovoltaico

Si stima che ne 2014 l’Italia potrebbe ottenere un buon risultato in tema di sviluppo dell’energia fotovoltaica: potrebbe superare la Spagna per capacità totale di energia fotovoltaica e posizionandosi così al 2° posto della classifica europea, dietro la Germania.

La previsione è contenuta nel rapporto “Global Market Outlook for Photovoltaics until 2014″, realizzato dall’Associazione europea dell’industria fotovoltaica (Epia).
Lo studio  prende in considerazione lo sviluppo dell’energia fotovoltaica in Italia e nel mondo secondo uno scenario “moderato” e uno “ottimistico”. Quest’ultimo contempla l’adozione di ulteriori politiche incentivanti. Nel primo caso prevede per l’Italia l’installazione di 800 MW di energia fotovoltaica nel 2010, 900 MW nel 2011, 1.000 MW nel 2012, 1.100 MW nel 2013 e 1.200 MW nel 2014, per un totale di circa 6.200 MW entro il 2014.
Nell’altro caso (“ottimistico”), invece, questi dati saranno rispettivamente di 1200, 1250, 1500, 1750 e 2000 MW, per un totale di circa 8.900 MW nel 2014.

Nell’ipotesi ottimistica la capacità fotovoltaica italiana sarà superiore a quella della Spagna, che invece si fermerà a 7.600 MW.

Nel caso moderato, invece, la Spagna continuerà ad avere il primato, seppure di poco: 6300 MW contro i 6.200 dell’Italia.

La classifica europea e mondiale sarà comunque in tutti i casi guidata dalla Germania, con 26.780 MW previsti nel 2014 dallo scenario moderato e ben 33.280 MW secondo quello più ottimista.

Redazione Paolo

Paolo
Redattore editoriale e traduttore tecnico specializzato, appassionato di tutela dell'ambiente e risparmio energetico.

Ti potrebbe interessare

Notte dei ricercatori: un successo l'edizione 2017

Notte dei ricercatori: un successo l’edizione 2017

Grande successo per l’edizione 2017 della Notte dei Ricercatori. Un appuntamento che riscuote sempre più il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.