24 Maggio, 2019
Home / RISPARMIO ENERGETICO / Vantaggi delle lampadine dimmerabili
lampadine dimmerabili

Vantaggi delle lampadine dimmerabili

Le lampadine dimmerabili sono concepite e realizzate per consentire di regolare la loro potenza in base alle più diverse esigenze: si tratta delle cosiddette lampadine varialuce, la cui intensità può essere modulata elettronicamente. La parola “dimmer” viene dal verbo inglese “to dim”, che vuol dire “abbassare”, e indica quel regolatore elettronico che consente di alzare o diminuire l’intensità della luce di una lampadina. Esso deve essere installato in corrispondenza dell’interruttore e agisce modulando la larghezza dell’impulso.

I dimmer

Noti anche come regolatori di luminosità o variatori di luce, i dimmer si rivelano estremamente discreti e presentano un pulsante che ruota o, in alternativa, un sensore touch. Nel caso dei sistemi più all’avanguardia, può essere prevista l’integrazione con un sistema domotico, il che vuol dire che l’intensità luminosa può essere gestita anche da remoto, da uno smartphone o da un altro device.

I benefici

Le lampadine LED dimmerabili mettono a disposizione un gran numero di vantaggi, sia di carattere economico che di natura pratica: è evidente, infatti, che nel momento in cui l’intensità della luce viene ridotta il consumo di watt diminuisce, e di conseguenza si ha a che fare con bollette più leggere. Non può essere trascurato, poi, il grande comfort che viene assicurato dall’utilizzo di un dimmer: a seconda delle attività che devono essere svolte in casa, si può decidere se optare per una luce più soffusa o, in alternativa, per un’illuminazione più intensa. Il risparmio e l’efficienza energetica, con i diodi emettitori di luce, sono sempre garantiti. Scegliendo il grado di illuminazione di cui si ha bisogno, si evitano gli sprechi e si contiene l’inquinamento.

Come si installa una lampadina LED dimmerabile

Le lampadine LED dimmerabili E27 sono le più diffuse sul mercato: questa è, infatti, la misura che caratterizza quasi tutti i lampadari domestici. Volendo, le lampadine di questo tipo possono essere impiegate al posto di quelle alogene o a incandescenza, ma è opportuno accertarsi di avere a disposizione un dimmer compatibile per riuscire a regolare la luce come necessario. Le lampadine LED dimmerabili, infatti, non sono compatibili con gli interruttoriclassici previsti per le lampade alogene. Gli interruttori tradizionali non riducono la potenza delle lampadine, ma solo la tensione: i LED, di conseguenza, continuerebbero a emanare sempre la stessa luce.

Le combinazioni di dimmer

In commercio ci sono differenti modelli di dimmer che possono dare vita a combinazioni diverse: appare evidente, pertanto, la necessità di selezionare il dispositivo giusto per i LED. Il consiglio degli esperti è quello di collegare ciascun dimmer a un dispositivo luminoso solo, per evitare di avere a che fare con un effetto di sfarfallio luminoso che sarebbe ben poco piacevole o magari con la rottura del dimmer stesso. Vale la pena di contattare un elettricista espertoper beneficiare di un’installazione a regola d’arte.

Non solo LED

I dimmer, ovviamente, non si applicano solo alle lampade LED ma possono essere previsti anche per le piantane, per le lampade alogene o per le strisce LED. Grazie ad essi, l’intensità luminosa può essere regolata dallo zero al cento per cento in virtù della modulazione della larghezza di impulso. Nel caso del TRIAC, si può incrementare o diminuire la potenza come si vuole, mentre se si fa riferimento al sistema IGBT a essere gestito è il carico, che in caso di bisogno può essere disattivato. Non sono rare, comunque, le circostanze in cui i sistemi sono impiegati in simultanea.

Come trovare la giusta intensità di luce 

Il grande vantaggio offerto dal dimmer consiste nella possibilità di ottenere l’intensità di luce migliore in ogni contesto e in qualunque momento della giornata: un’opportunità che si rivela utile non solo in casa, ma anche all’interno di esercizi commerciali, come per esempio in un negozio o in un lounge bar. Prima di provvedere all’installazione del dimmer, è sempre opportuno individuare il numero di punti luce a disposizione: per un impianto elettrico di grandi dimensioni ci potrebbe essere bisogno di più di un dimmer, in modo che il carico possa essere distribuito.

Redazione Paolo

Paolo
Redattore editoriale e traduttore tecnico specializzato, appassionato di tutela dell'ambiente e risparmio energetico.

Ti potrebbe interessare

Progettazione energetica: la pianificazione strategica dell'efficienza energetica degli immobili

Progettazione energetica: la pianificazione strategica dell’efficienza energetica degli immobili

Nel momento in cui si affronta la ristrutturazione di un immobile, può essere utile procedere a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.