Home / NEWS / Posidonia, una risorsa per l’ecosostenibilità
Posidonia
Posidonia

Posidonia, una risorsa per l’ecosostenibilità

Posidonia

La posidonia è una pianta acquatica del Mar Mediterraneo. Le sue caratteristiche la  rendono molto simile alle piante terrestri: ha radici, un fusto e foglie nastriformi lunghe fino ad 1 metro, unite in ciuffi di 6-7. Fiorisce in autunno e in primavera produce frutti galleggianti volgarmente chiamati “olive di mare”.
Essa forma delle vere praterie sottomarine che rivestono una grande importanza per l’ecosostenibilità marina, esercitando una notevole azione nella protezione della linea di costa dall’erosione; al suo interno vivono molti organismi animali e vegetali che nella prateria trovano nutrimento e protezione.
Essa è dunque considerata un buon bioindicatore della qualità delle acque marine costiere ma, come tutte le piante, anche quelle marine perdono le foglie. I residui di queste finiscono sulle spiagge insieme con le alghe e diventano dunque rifiuti.
La presenza di tali rifiuti organici sono piuttosto abituali nelle località di mare e spesso causano a polemica sulla pulizia e lo smaltimento. Un problema che potrebbe trasformarsi in risorsa sia per l’ambiente e l’agricoltura, grazie al progetto sostenuto dall’Istituto di scienze delle produzioni alimentari di Bari, dal Consiglio nazionale delle ricerche (Ispa-Cnr) e dal comune di Mola di Bari.
Il progetto “Posidonia residues integrated management for ecosustainability (Prime)” ha l’obiettivo di sviluppare un modello di gestione ecosostenibile dei residui. Mira al riutilizzo dei residui di foglie e fusti che finiscono sulle rive come fertilizzante . Secondo diverse ricerche pare sia possibile trasformare i residui di Posidonia in fertilizzante. Ecco nuove prospettive per l’impiego in agricoltura di questi residui che confermano ancora una volta come la soluzione ai crescenti problemi sia il riciclo e il riutilizzo.

Redazione Paolo

Paolo
Redattore editoriale e traduttore tecnico specializzato, appassionato di tutela dell'ambiente e risparmio energetico.

Ti potrebbe interessare

Notte dei ricercatori: un successo l'edizione 2017

Notte dei ricercatori: un successo l’edizione 2017

Grande successo per l’edizione 2017 della Notte dei Ricercatori. Un appuntamento che riscuote sempre più il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *