21 Agosto, 2019
Home / CASA / Stile industrial, idee e consigli per la luce
Stile industrial

Stile industrial, idee e consigli per la luce

Spartano ma al tempo stesso estroso e moderno, con una funzionalità e una dinamicità che fa innovazione: così si potrebbe riassumere in breve lo stile industrial, il quale predomina anche nel settore dell’illuminazione. La luce riveste un ruolo fondamentale e subisce le influenze dei vecchi spazi industriali della New York Anni  ’50, con tutte le contaminazioni e le sfumature possibili, tipo lo stile grunge o il country: ecco dove trovare lampade industriali di design con queste importanti peculiarità.

Luce e arredo industriale, caratteristiche

Illuminare una stanza non è semplicemente accendere la luce mediante interruttore, smartphone, comando vocale o battito di mani: come i raggi solari baciano piante, animali, uomini ed edifici, la luce artificiale farà anche da anello di congiunzione per definire l’arredo di un determinato ambiente.

Lo stile industrial ha le sue caratteristiche e le sue regole, però questo non significa che non ci possano essere delle sfumature e delle contaminazioni con altri stili di arredo. Il vintage e il grunge sono molto gettonati per rendere industriale una cucina, uno studio o la zona notte. Il mood del grunge è più o meno lo stesso dello stile industriale, nonostante tra di loro ci siano ben 20 anni di differenza.

Il grunge è nato negli Anni 70 come stile musicale caratterizzato da melodie rockeggianti alternate a ritornelli arrabbiati e urlati presi dall’heavy metal. Il movimento che ne è derivato è stata la rivoluzione del look, ispirato alle melodie particolari. L’abbigliamento tipo erano scarpe logorate, jeans strappati, T-Shirt bucate indossate sotto la camicia a quadri rigorosamente sbottonata ed extralarge come i maglioni di lana. Per quanto riguarda l’aspetto fisico, i capelli lunghi e barba incolta completavano l’outfit. Grunge significa sudicio, trasandato, e lo stesso si può dire delle abitazioni.

Industrial Style grunge, origini e peculiarità

Gli edifici preferiti erano loft o garage, quindi open space in cui si poteva lavorare ed abitare.  La tendenza grunge durerà fino agli Anni 90, ma rievocazioni del periodo si hanno ancora oggi grazie al mobilio in stile vintage e alle lampade industriali di design ispirate  fortemente alle atmosfere metropolitane ed industriali. Legno, ferro battuto, pelle sono gli elementi cardine, mentre metallo e ceramica sono dei tocchi di modernità che diverse aziende hanno aggiunto per riprodurre fedelmente lampade e applique in stile industrial ma rendendole facili da installare, maneggiare, direzionare e mantenere pulite.

Se l’artista grunge ha mille sfaccettature, anche in fatto di arredo e soprattutto di luce bisogna essere pronti a tutto. Ecco quindi l’alternanza di colori che virano verso tonalità molto scure, richiamanti appunto i luoghi industriali o i sobborghi: mattoni, pilastri e tubi sono visibili e diventano anche elementi decorativi a vista. Spiccano soprattutto le tonalità dell’ottone ossidato e, in fatto di illuminazione, l’alternanza di una luce diffusa a quella di un faretto o una lampada da parete posta per illuminare un dettaglio specifico.

Stile industriale fusion, per cosa è indicato

Lo stile industriale può fondersi anche con altri concept di arredamento che apparentemente non c’entrerebbero nulla, come il country o shabby chic, ma che invece appartengono tutti al filone vintage e retrò. Inoltre, gli amanti della cultura americana hanno l’imbarazzo della scelta, visto che è proprio negli USA che sono apparsi i primi appartamenti in stile industriale: ariosi, con soffitti alti, i tubi a vista come i mattoni e soprattutto senza il vincolo di muri divisori, solo open space.

Qui non esistono librerie, bensì tavolini che hanno la funzione di accogliere i libri impilati; i lampadari lasciano il posto d’onore alle lampade da terra, le quali illuminano strategicamente sculture e quadri di artisti giovani e stravaganti anche se poco conosciuti. Ci sono diverse soluzioni per valorizzare un loft con la luce, però anche un monolocale in centro può diventare un perfetto ambiente industriale.

Anche un ambiente lavorativo come uno studio privato può essere personalizzato, magari proprio con una lampada della linea GRUNGE per chi ama le atmosfere cupe e ricercate, o della linea LOFT per chi invece vuole riprodurre fedelmente le caratteristiche delle luci da lavoro presenti nell’edificio durante gli anni passati. Tutti i lavori sono progettati per ottenere un notevole risparmio energetico e soprattutto con materiali lavorati nel rispetto dell’ambiente e di tutti gli esseri  viventi, cosa che in passato si tendeva a trascurare per ignoranza, ma soprattutto per ribellione alle regole imposte dalla società.

Redazione Paolo

Paolo
Redattore editoriale e traduttore tecnico specializzato, appassionato di tutela dell'ambiente e risparmio energetico.

Ti potrebbe interessare

casa natura

Una casa a contatto con la natura

Chi possiede una casa con giardino o con terrazzo sa bene quanto sia piacevole vivere …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.