17 novembre, 2018
Home / Rinnovabili, l’Autorità per l’energia chiede stabilità e rigore negli incentivi

Rinnovabili, l’Autorità per l’energia chiede stabilità e rigore negli incentivi

Le rinnovabili costeranno all’Italia 100 miliardi tra il 2010 e il 2020.

Stabilità nelle politiche di incentivazione per le fonti energetiche rinnovabili e gestione rigorosa deisussini. Lo ha chiesto Guido Bortoni, presidente dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas (Aeeg) durante un’audizione alla Commissione ambiente della Camera. Secondo l’Authority, infatti, per garantire lo sviluppo delle fonti a basso tenore di carbonio contenendo il più possibile i costi sulle bollette «sono indispensabili meccanismi stabili, scadenze certe e una distribuzione nel tempo degli incentivi che promuovano anche l’innovazione tecnologica ed una filiera industriale nazionale». Bortoni ha sostenuto che «buona parte delle attuali criticità nei meccanismi incentivanti derivano dalle continue modifiche nel tempo: quindi, in linea generale, qualunque sia lo strumento incentivante applicato, è di fondamentale importanza la stabilità normativa ed il rigore nella gestione».

Il presidente dell’Aeeg ha inoltre presentato le stime dell’Autorità sui costi complessivi per gli incentivi alle rinnovabili, che costeranno all’Italia 100 miliardi di euro fino al 2020. I costi a carico dei consumatori, in particolare, dovrebbero salire dai 3,5 miliardi all’anno del 2010 ai 10/12 miliardi nel 2020, «con un costo unitario che a fine periodo sarebbe pari a 2,7-3,3 centesimi di euro per Kwh, il doppio rispetto ad oggi». Quanto alla gestione concreta degli incentivi, infine, l’Authority chiede di essere investita del ruolo cruciale di amministrare le tariffe. Il governo e il parlamento, in altri termini, dovrebbero soltanto stabilire gli obiettivi a lungo termine, ma dovrebbero lasciare proprio all’Aeeg la definizione delle tariffe. Secondo Bortoni, dunque, è opportuno che «governo e parlamento fissino gli obiettivi quantitativi e temporali, distinti per ciascuna fonte, demandando all’Autorità la responsabilità di definire gli strumenti e le modalità per raggiungere questi obiettivi al minimo costo».

Redazione Paolo

Paolo
Redattore editoriale e traduttore tecnico specializzato, appassionato di tutela dell'ambiente e risparmio energetico.

Ti potrebbe interessare

Scooter elettrici, cosa comprare nel 2018

Scooter elettrici, cosa comprare nel 2018

Quali sono le moto e gli scooter elettrici più importanti sul mercato in questo 2018? Di sicuro …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.