22 luglio, 2018
Home / Golfo del Messico: nuova fuga di idrocarburi
perdite greggio BP
perdite greggio BP

Golfo del Messico: nuova fuga di idrocarburi

perdite greggio BP

Il governo americano ha ordinato alla BP (British Petroleum) informazioni sulla nuova presunta fuga di idrocarburi e su “altre anomalie” vicino al pozzo che ha dato origine al disastro ecologico nel Golfo del Messico.
Pare che sia stata individuata una nuova perdita e che il coordinatore federale, Thad Allen, abbia chiesto alla Bp un piano per riaprire in tempi rapidi il pozzo Macondo che è stato chiuso da alcuni giorni da una struttura di contenimento. “Vi chiedo di fornirmi una procedura scritta per potere aprire la valvola di strangolamento quanto più rapidamente possibile senza danneggiare il pozzo, nel caso in cui la fuga di idrocarburi accanto al pozzo dovesse essere confermata”, ha scritto l’ammiraglio Allen nella missiva indirizzata al direttore di BP, Bob Dudley. A quasi 3 giorni dalla chiusura del “tappo” che ha fermato la fuoriuscita di greggio,  ieri si presagiva un cauto ottimismo.
Vi è la possibilità che il greggio, imprigionato nel pozzo otturato, finisca per creare falle e spargersi ancora nell’Oceano.

Il naufragio del 22 aprile della piattaforma “Deepwater Horizon”, continua a creare dunque  gravi ripercussioni sulla vita degli abitanti delle zone colpite: Texas, Louisiana, Mississippi, Alabama e Florida; tutte zone che vivono di pesca e di turismo.

Redazione Paolo

Paolo
Redattore editoriale e traduttore tecnico specializzato, appassionato di tutela dell'ambiente e risparmio energetico.

Ti potrebbe interessare

Smartphone ecologici: scopriamo qualcosa in più

Smartphone ecologici: scopriamo qualcosa in più

Se digitale fa rima con ambientale un motivo ci sarà. Scherzi a parte, i più …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.