Home / Global Warming: dati imbarazzanti per i catastrofisti

Global Warming: dati imbarazzanti per i catastrofisti

Di Enzo Pennetta

Il grafico apparso sul Daily Mail che mostra il livellamento delle temperature negli ultimi 16 anni

Sul Sole 24ORE e sul Daily Mail dati imbarazzanti per i fautori dell’AGW

E’ sempre più difficile per i fautori dell’AGW(Riscaldamento Globale Antropico) sostenere le loro posizioni politically correct sulle responsabilità delle emissioni di CO2 nei cambiamenti climatici. Se infatti veramente la CO2 emessa dalle attività umane fosse all’origine del riscaldamento globale, non si spiegherebbe come mai negli ultimi 16 anni che hanno visto lo sviluppo esponenziale dell’industria cinese, e comunque nessuna diminuzione delle emissioni di CO2, le temperature globali si siano fermate stabilizzandosi, come riportato in un articolo apparso il 13 ottobre sul Daily MailGlobal warming stopped 16 years ago, reveals Met Office report quietly released… and here is the chart to prove it“.

 E ancora più impietoso è il sotto titolo:

  • The figures reveal that from the beginning of 1997 until August 2012 there was no discernible rise in aggregate global temperatures
  • This means that the ‘pause’ in global warming has now lasted for about the same time as the previous period when temperatures rose, 1980 to 1996

Solo pochi giorni dopo, il 28 ottobre, la situazione dei sostenitori dell’AGW è aggravata dai dati segnalati in un articolo pubblicato sul Sole 24ORE dal titolo “L’Artico si ritrae, l’Antartico si espande. E il “buco” dell’ozono è al minimo da 20 anni“, che racconta in modo sintetico ma inequivocabile che i cambiamenti climatici non comportano il preoccupante innalzamento del livello del mare in quanto solo lo scioglimento dei ghiacci antartici comporterebbe tale rischio. E invece, come riportato in una foto apparsa sul Sole 24ORE la situazione da questo punto di vista è positiva:

 

 

 

 

 

 

 

 

Una situazione che dunque è tranquillizzante per tutti. Tranne forse per coloro che sull’AGW hanno costruito carriere accademiche e politiche.

Fonte: Critica Scientifica

Redazione Paolo

Paolo
Redattore editoriale e traduttore tecnico specializzato, appassionato di tutela dell'ambiente e risparmio energetico.

Ti potrebbe interessare

Led: una scelta per l'ambiente

Led: una scelta per l’ambiente

La ricerca energetica negli ultimi decenni si è sempre più orientata verso soluzioni smart ed …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *